I social e l’informazione: le macchine da sole non bastano

Pubblicità
Saldi Invernali Oliviero
Spread the love

I social e l'informazione: le macchine da sole non bastano

Milano (askanews) – Negli ultimi dieci anni il mondo dell’informazione è cambiato in maniera radicale e l’emergere dei social media ha ulteriormente modificato lo scenario, in maniere che non era possibile prevedere. E proprio dell’evoluzione dei social si è parlato in un incontro organizzato a Milano da Kantar Media, azienda internazionale specializzata nel monitoraggio e nell’analisi delle fonti informative, nell’ambito del progetto “Discover the Media”. Mauro Stoico, country manager per l’Italia di Kantar Media, ci ha raccontato i cambiamenti avvenuti nell’ultimo decennio.
“Abbiamo investito molto in tecnologia – ha detto ad askanews – con dei programmatori che hanno studiato la Rete, ma soprattutto i sistemi che permettevano poi alle macchine di monitorare i vari social. Allo stesso tempo abbiamo dovuto puntare anche su delle risorse che acquisivano esperienze e competenza per confrontarsi con i clienti”.
Tra gli aspetti emersi nel corso del convegno, che ha visto la partecipazione del professor Guido Di Fraia dello IULM di Milano, anche quello legato alla sempre maggiore diffusione dell’intelligenza artificiale nel mondo dei media, social ma non solo. Ma le macchine da sole ancora non bastano.
“Per noi – ci ha detto Stoico – la macchina rimane ancora una componente importante, però credo che la componente umana sia superiore alla macchina, anche perché settare un monitoraggio a livello social media richiede una difficoltà tale che se non ci fosse l’intervento umano la macchina rischierebbe di andare in tilt e, in qualche maniera, fornire dei dati non pertinenti”.
Anche perché la mole di dati da gestire cresce continuamente, insieme alla sua complessità. E in questo senso Kantar Media offre ai clienti uno strumento di monitoraggio che vuole essere il più ampio e flessibile possibile.
“Noi – ha concluso il country manager – abbiamo una piattaforma che si chiama km+ e secondo me al momento è una delle piattaforme più evolute sul mercato europeo. La sua caratteristica principale è che è in grado di gestire qualsiasi tipo di content, dalla stampa al Web ai solcai, alla radio alla televisione, e all’interno della stessa c’è la possibilità di avere un’analisi qualitativa e quantitativa di tutti i contenuti raccolti. Diamo la possibilità al cliente di gestire in autonomia un’analisi anche del risultato ottenuto, e questo in real time”.
Un’ultima notazione: pure in questo contesto così digitalizzato e social c’è un dato che sovverte le previsioni fatte anni fa: la carta stampata non è morta e, ci assicurano da Kantar Media, oggi continua a svolgere un ruolo importante.

Pubblicità
Pubblicità
Gateaway Beachwear at Zaful
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com